Risultati della ricerca

Circa 61 risultati

Lungo la MOSELLA e il RENO... da Metz a Bingen

…di villaggio in villaggio, di calice in calice  I vigneti della valle della Mosella e del Reno producono vini bianchi, secchi, leggeri e dal sapore delicato. La qualità di questo vino è dovuta al Riesling, il vitigno dominante, al terreno scistoso e a una vendemmia molto tardiva, solitamente a fine novembre. Le coltivazioni sono situate sulle pendici dei colli orientati a sud, sud-ovest e sud-est per sfruttare al meglio il calore del sole.

  • Germania

Da O'CEBREIRO a SANTIAGO a piedi ...ultimi 150 km

…150 km da O’ Cebreiro a Santiago di Compostela Cos’è il “Cammino”? Potremmo dire semplicemente che è il percorrere la strada che porta alla tomba di San Giacomo e che, in oltre un millennio, ha fatto milioni di persone. Il “Cammino” deve essere fatto a piedi, in bicicletta, a cavallo… qualcuno lo fa anche in auto, ma è evidentemente un’altra cosa. Il “Cammino” non è, né dovrebbe essere, interpretato come un percorso codificato, una corsa competitiva, un puro itinerario turistico. Il “Cammino” è qualcosa di più e, sicuramente, una volta lungo il percorso questa sensazione verrà fuori. La cosa ...

  • Spagna

CAMMINO di SANTIAGO a piedi da O'Cebreiro... dal 16 agosto

UN PO’ DI STORIA San Giacomo predica in Galizia. Torna in Palestina e muore decapitato da Erode Agrippa nel 42 o 44. Teodoro ed Anastasio rubano il corpo ed in barca lo portano ad Iria Flavia. Seppelliscono il corpo nell’entroterra con su un’arca… Ci si dimentica della tomba. Nel 700 invasione araba della spagna. Regni del nord della spagna non invasi a causa del terreno ostico guerreggiano tra loro. Nell’813 eremita Pelayo  ogni notte vede una stella sopra un campo (compostela). In sogno l’apostolo gli dice di scavare. Pelayo informa Teodomiro Vescovo della zona. Si riscopre la tomba dell’apo...

  • Spagna

Lungo l'ELBA... confine "storico"

…dove si fermarono le due grandi armate Percorrendo questa pista ciclabile dal sud al nord si parte dalla "Svizzera sassone" con il bizzarro spettacolo offerto dalle millenarie formazioni rocciose dell'Elbsandsteingebirge. Dopo Prina si apre uno scenario fiabesco, nel quale i castelli sembrano susseguirsi l’uno dietro l’altro come in un paesaggio da favola. Una volta raggiunto l'Elbwiesen, vale la pena sostare brevemente lungo le rive del fiume per poi ripartire con più energie.

  • Germania

A SANTIAGO da LEON a piedi... ultimi 300 km

…300 km da Leon a Santiago di Compostela Cos’è il “Cammino”? Potremmo dire semplicemente che è il percorrere la strada che porta alla tomba di San Giacomo e che, in oltre un millennio, ha fatto milioni di persone. Il “Cammino” deve essere fatto a piedi, in bicicletta, a cavallo… qualcuno lo fa anche in auto, ma è evidentemente un’altra cosa. Il “Cammino” non è, né dovrebbe essere, interpretato come un percorso codificato, una corsa competitiva, un puro itinerario turistico. Il “Cammino” è qualcosa di più e, sicuramente, una volta lungo il percorso questa sensazione verrà fuori. La cosa più bel...

  • Spagna

CAMMINO di SANTIAGO a piedi da Leon... dal 18 agosto

I pellegrini nella Cattedrale Il fine per realizzare il Cammino di Santiago è quello di arrivare alla Cattedrale di Compostela e venerare l'Apostolo Martire. Una volta raggiunto il loro destino i pellegrini oltre a compiere la loro missione spirituale possono ammirare uno dei centri più importanti d’arte sacra, pieni di numerosi angoli di eccezionale bellezza, alcuni di singolare importanza. La Porta Santa, che si apre solo nell’Anno Santo, questo è, quando la festività di Santiago è di domenica. È nella testata, nella parte opposta alla piazza dell'Obradoiro e ha elementi di quello che era il...

  • Spagna

CAMMINO di SANTIAGO in bici... dal 19 agosto

Santo Domingo della Calzada… e il miracolo del gallo e la gallina Attorno al 1300, una copia marito e moglie di Colonia, in pellegrinaggio a Santiago con il loro giovane figlio poco più che adolescente, ma molto sveglio a quel che pare, presero alloggio nella locanda del paese. La figlia della locandiera si invaghì del giovane, ma questi per timore dei genitori, resistette alle sue seduzioni. La giovane allora, per vendetta, nascose nel sacco di lui un vaso d’argento e alla sua partenza, lo accusò di furto. Catturato, fu condannato a morte per impiccagione. I genitori distrutti dal dolore ma p...

  • Spagna

GR 20 SUD in Corsica...

…la Grande Randonnée, parte Sud, da Conca a Vizzavona Un’ isola diversa dalle altre del Mediterraneo. Un paesaggio di montagne, fiumi, foreste. Si "fatica" tra paesaggi alpini e macchia mediterranea, bagnandosi nelle pozze dei torrenti, da un rifugio all'altro, senza dimenticare di assaggiare la zuppa corsa, la lonza, il formaggio che "cammina da solo"... Il GR 20 Sud attraversa il Parco Naturale della Corsica.

  • Corsica

SCOZIA

Wallace, la brughiera… Rob Roy, whisky… … dai territori “tragici” dove gli Scoti hanno difeso la loro terra dagli odiati inglesi, ai paesaggi primordiali dell’isola di Skye e delle Orcadi.... La Scozia è uno dei posti più selvaggi in assoluto… le lande battute dal vento e dalla pioggia fine che cade 300 giorni all’anno, la sensazione di viaggiare fuori dal mondo e dentro la storia a seconda dello stato d’animo sarà sempre presente, conoscendo un posto ai confini del mondo, poco abitato.

  • Gran Bretagna

RIFUGIO ZAR SENNI

…un angolo di paradiso La Val d’Otro, poco conosciuta al grande turismo montano, è uno splendido angolo di paradiso… Quando una volta Alagna non esisteva, la gente del posto abitava questi pratoni posti sopra il paese attuale: le frazioni Dorf, Follu, Weng sono stati i villaggi Walser da cui poi è nata Alagna. Un tuffo nella natura montana più bella, ma anche un andare a ritroso nel tempo sulle tracce dei Walser, l’antica popolazione tedesca che migrò dal Vallese per stabilirsi intorno al Monte Rosa.

  • Piemonte

DOLOMITI ALTA VIA 4

…da San Candido a Pieve di Cadore L'Alta Via delle Dolomiti n. 4, denominata "di Grohmann", è dedicata all'alpinista austriaco Paul Grohmann che a metà dell'800 scalò per primo alcune delle più importanti vette dolomitiche, quali i Tre Scarperi, la Croda dei Baranci, la Cima Grande di Lavaredo, il Cristallo, il Sorapiss e l'Antelao, e collega la zona delle Tre Cime con il bellunese. Punto di partenza è San Candido e di arrivo Pieve di Cadore. Questa traversata, svillupata lungo percorso di circa 85 km, percoribbili in 6 tappe, si addentra nelle alte montagne delle Dolomiti attraverso sentieri ...

  • Alto Adige, Veneto

ROUTE 66... mother road

…mother road, la strada dei “disperati” di Steinbeck La United States Route 66 o Route 66 è una highway tra le prime di interesse federale;  fu aperta l'11 novembre 1926, anche se fino all'anno seguente non furono installati tutti i cartelli indicatori. All’inizio collegava Chicago alla spiaggia di Santa Monica attraverso Illinois, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, Nuovo Messico, Arizona e California per un totale di 3.755 km (2.347 miglia). La Route 66 fu la strada usata per la migrazione verso ovest, specialmente durante il dust bowl, e supportò l'economia delle comunità attraverso le quali...

  • Stati Uniti d'America

GR 20 NORD in Corsica...

…la Grande Randonnee da Vizzavona a Calenzana… una mazzata! Il GR 20 Nord è la parte più difficile della Randonnee; pur essendo sempre “camminabile” l’ambiente severo ed alcuni passaggi ne fanno un trek per esperti. Una opportunità per misurarsi con le fatiche, con i silenzi e le atmosfere della natura primordiale. Un trek per guardare a fondo anche dentro se stessi.

  • Corsica

Lungo la LOIRA... da Nevers a Nantes

…terra di vigne e castelli Da Nevers a Nantes lungo le sponde del fiume più affascinante e "storico" della Francia, immersi in una natura dove passeggiavano re e regine...

  • Francia

RIFUGIO CAMPOGROSSO

…di fronte al Pasubio La statua della Madonna sulla Sisilla, è opera unica di Odilla Lissa Dal Prà di Valli del Pasubio. È stata trasportata in vetta a 1621 metri, il 23 maggio 1962, da un grosso elicottero “H34” della Setaf, in dotazione agli americani tuttora presenti a Vicenza. Fu l’alpinista ed eroe del K2, Gino Soldà, che ottenne l’intervento del potente velivolo grazie alla sua amicizia con il comandante della caserma Ederle, che accompagnava in montagna a scalare. Fu ancora Gino Soldà che le dedicò il nome di “Madonna delle Piccole Dolomiti” La statua pesa 350 chili.. “Questa sarà la Ma...

  • Veneto

MARE e MONTI Nord in Corsica...

…da Calvi a Cargese Questo itinerario si snoda tra costa e quote di poco superiori ai 1000 metri, toccando gli ambienti più belli della costa nord-occidentale. Il mare e le montagne sono presenti insieme. Il tracciato del trekking si trova quasi interamente all'interno del Parco naturale regionale che esiste dal 1971 con il doppio intento di proteggere il territorio e favorire lo sviluppo di un'economia rurale legata a un turismo rispettoso dell'ambiente.

  • Corsica

SPAGNA VERDE...Galizia, Asturie, Cantabria

…la Spagna Verde Galizia, Asturie, Cantabria e Paesi Baschi vantano alcuni degli spazi ecologici più preziosi e meglio conservati d'Europa. Paesaggi ricchi di contrasti, fiumi d’acqua salata, infinite tonalità di verde... Un litorale lungo più di 2000 chilometri, scogliere, montagne, boschi, fiumi e spiagge, profonde gole e valli… Sebbene presentino elementi comuni, ognuna di queste regioni possiede una personalità propria e vale la pena di conoscerle una per una. La diversità dei paesaggi e la ricchezza ecologica non vi deluderanno. Vi inviamo quindi a esplorare attivamente le alternative che...

  • Spagna

CAVALMURONE tra Piemonte e Liguria

…sul crinale tra Piemonte e Liguria Il silenzio di queste valli è tessuto da molte parole, da tradizioni, cultura, gastronomia che sussurrano ancora nel quotidiano lavoro degli abitanti. Sette comuni nell'Alta Val Borbera: Cantalupo, Albera, Cabella, Carrega, Rocchetta, Roccaforte, Mongiardino; due nella Bassa Val Borbera: Vignole e Borghetto; uno, Grondona, in Valle Spinti che un costone separa dalla Val Borbera ed infine il comune di Stazzano, ai confini della Val Borbera con la Valle Scrivia.

  • Piemonte-Liguria

La VIA del BLUES... lungo il Misssissippi

Da Chicago a New Orleans passando da Memphis e Nashville… Blues deriva dall'espressione "to have the blue devils" (letteralmente: avere i diavoli blu) col significato di "essere triste, agitato, depresso". L'espressione, attestata nella lingua inglese a partire dal XVII secolo, si riferiva in origine allo stato allucinatorio che segue alle crisi di astinenza da alcool. All'epoca "blue" era un sinonimo gergale di "ubriaco" e per questo motivo le leggi che vietavano la vendita di alcolici la domenica erano indicate come "Blue laws". Verso la fine del 1700, un ballo di coppia lento diffuso nelle ...

  • Stati Uniti d'America

TERRE del GAVI

…la strada delle cantine “…Il cibo, un vino? Viaggiare è conoscere luoghi, genti e paesi, il modo più semplice di viaggiare è quello di mangiare, di praticare la cucina del luogo in cui si va; nella cucina c’è tutto, la natura, il clima, la tradizione, la storia, la civiltà di un luogo…” Così Mario Soldati il 3 dicembre 1957 presenta la trasmissione “Alla ricerca dei cibi genuini.” Se il vino avesse qualcosa da raccontare, sarebbe una storia complessa e bellissima, che narra la paziente attesa prima che la vigna cresca bene e restituisca i propri frutti. E’ un racconto fatto di terra, di sagge...

  • Piemonte

Sulle tracce di FRA' DOLCINO

… sulla Panoramica Zegna Il parco naturale Oasi Zegna, sulle Alpi Biellesi, è un progetto di valorizzazione ambientale ideato dall’imprenditore tessile Ermenegildo Zegna negli anni ‘30. In un’area di 100 km/quadrati, gli itinerari dell’Oasi attraversano ambienti diversi, per le caratteristiche naturali e per l’impronta che le attività umane hanno lasciato sul territorio. Si passa dalle faggete di bassa montagna lungo il torrente Cervo, ai paesaggi più incontaminati dell’alta Valsessera; dai “balconi” sul Rosa a quelli sulla pianura, dalle antiche zone minerarie agli impianti tessili, dai bosch...

  • Piemonte

MILANO in TRAMVAI

… i bastioni spagnoli con il 9 o il 10 “Succede a volte che un viaggio, lungo o breve spostamento nello spazio, diventi per noi soli anche uno spostamento nel tempo: richiamo di avvenimenti lontani, che hanno interessato la nostra esperienza personale, ma che sono legati anche alla storia dei luoghi che attraversiamo. Riaffiorano così eventi o volti sepolti nelle stratificazioni del proprio archivio mentale. Vecchi ricordi che riemergono quando torniamo in luoghi dove abbiamo trascorso infanzia e adolescenza”. Dal libro “Milano è bella in tram” di Ferruccio Rapetti

  • Lombardia

CAMPO dei FIORI

…alle pendici delle alpi  Il Parco domina la zona collinare varesina e la Pianura padana ed è delimitato a nord ovest dalla Valcuvia, a est dalla Valganna ed a sud dalla città di Varese. Comprende due importanti massicci, il Campo dei Fiori e la Martica, separati dalla Valle Rasa. La particolare collocazione geografica e le caratteristiche geologiche hanno favorito l'instaurarsi di una vegetazione molto varia, con boschi di castagni e faggi, aree di flora rupicola e ambienti torboso- paludosi, ricchi di presenze faunistiche. Rilevanti le presenze storico-architettoniche, quali il complesso del...

  • Lombardia

TREK del BAROLO

…il principe dei vini Le colline delle Langhe, Roero e Moferrato, paesaggi vitivinicoli del Piemonte, fanno parte del Patrimonio Mondiale UNESCO e sono posti da visitare assolutamente almeno una volta nella vita. Le Langhe si estendono lungo le province di Cuneo e di Asti e sono il luogo di produzione di vini pregiati come il Barolo, il Nebbiolo, la Barbera e il Dolcetto, vini tra i migliori di tutto il Piemonte. Perché visitare le Langhe? Per i vini ed i paesaggi collinari ricoperti a vigneti e trasformati dal lavoro abile e paziente dell'uomo, per il silenzio e per mangiare in una antica cas...

  • Piemonte

ROMANICO nell'ASTIGIANO

…tra vigneti e pievi Il territorio che va da sud del Po fino al Tanaro è costellato di chiese romaniche che appaiono solitarie su colline o nascoste nella fitta vegetazione dei boschi o ancora nei cimiteri. Nel Medioevo, però, erano le chiese dei villaggi, il cuore della vita quotidiana. La loro storia volle che da quella funzione fossero trasformate in cappelle cimiteriali o chiese campestri e nonostante il loro significato iniziale si sia perso, il fascino che esse producono è rimasto immutato. È nell’Alto Astigiano che troviamo le massime espressioni di questa religiosità medievale: in ques...

  • Piemonte

TREK del ROERO

…in vino veritas! Sponda sinistra del Tanaro albese, il Roero si trova tra Langhe e Monferrato, nel cuore delle colline del vino. Il territorio presenta caratteri geo-morfologici omogenei ed una identità culturale derivata da forti momenti di aggregazione e di coesione storica. Ne fanno parte, in tutto o in parte, 25 territori comunali per una superficie complessiva di 420 Kmq ed oltre 75.000 abitanti. Un grappolo di colline che, partendo dalla suggestiva frattura delle rocche, in un continuo saliscendi, arrivano a lambire il Tanaro, fronteggiando orgogliosamente le sorelle colline di Langa co...

  • Piemonte

FRANCIACORTA in bici

…Panza Trek La Franciacorta si trova nel cuore della Lombardia, a due passi da Milano, affacciata sulle sponde del Lago d’Iseo, in un’area di circa 200 chilometri quadrati che comprende 19 comuni della Provincia di Brescia. Le sue dolci colline, delimitate ad ovest dal fiume Oglio e a nordest dalle ultime propaggini delle Alpi Retiche, devono le loro antichissime origini ai ghiacciai che, ritirandosi oltre 10.000 anni fa, hanno creato l’anfiteatro all’interno del quale ha preso vita la Franciacorta. L’origine morenica dona ai terreni di quest’area una straordinaria ricchezza minerale, che unit...

  • Lombardia

TRENTO

… trentatrè trentini  Incastonata nel cuore delle Alpi, la città si sviluppò al tempo dei Romani. E di quel periodo conserva ancora parecchi elementi, a partire dallo spazio archeologico sotterraneo di piazza Cesare Battisti per continuare con la basilica paleocristiana, che offrono rari ma completi esempio di urbanistica romana, in un allestimento affascinante e suggestivo. Nel corso della sua millenaria evoluzione Trento ha saputo attrarre elementi di tradizioni tra loro molto diverse, provenienti dal Nord e dal Sud Europa, fondendoli in un mix davvero unico, tanto da essere stata scelta com...

  • Trentino

TRIANGOLO LARIANO

Il Boletto e il Bolettone … Le valli che circondano il Lago di Como sono tra le più belle zone delle Prealpi, ricche di vegetazione e popolate da numerose specie animali. Un territorio omogeneo da dove partono numerose escursioni lungo le antiche strade militari e sentieri verso alpeggi e rifugi. La Grigna, il Resegone, il Legnone, gruppi montuosi importanti, ma anche il San Primo, il Monte Bregagno e il Pizzo di Gino, che fanno corona al lago, acquistano un fascino particolare e indimenticabile nei lunghi tramonti estivi, ma anche nella calda luce autunnale che ne avvolge i contorni, nell’ant...

  • Lombardia

BOLOGNA

… alla ricerca di Vasco, Guccini, Dalla e il “genius locii” della città Definita da Charles de Brosses "il gran seminario della musica italiana" nel 1740, Bologna è stata da sempre culla privilegiata delle più varie espressioni musicali (liturgica, goliardica, ebraica..) fino a rivestire, soprattutto tra il XVII e XIX secolo, un ruolo di formazione e quindi di attrazione per numerosi ed importanti artisti di fama europea. Personalità come Mozart, Liszt, Mendelssohn non mancano di compiere una sosta in città durante l’immancabile viaggio in Italia. Altri invece come Farinelli, Rossini, e Donize...

  • Emilia

SASSI di MALASCARPA

Una riserva naturale Si tratta di un’area protetta di particolare interesse geologico - geomorfologico, tanto che è censita e fa parte del progetto LIFE della CEE (progetti di tutela di aree naturali di particolare interesse). L’itinerario si sviluppa nella prima parte lungo il sentiero geologico, da Canzo a Terz’alpe, lungo il quale è possibile ricostruire la storia geologica del triangolo lariano e della Val Ravella. Spiccano rocce calcaree e marnose di origine marina ed i depositi glaciali lasciati dai ghiacciai quaternari, in particola gli spettacolari massi erratici della Valtellina. La v...

  • Lombardia

FONTANE a MILANO

… l’acqua meneghina Le tante fontane e vedovelle che sgorgano nelle piazze e negli angoli nascosti della città ci fanno pensare a Milano come a una città d’acqua. Infatti le sue origini la legano indissolubilmente a questo elemento, un rapporto che dura secoli, quando era ancora una delle più importanti città mercantili del Nord Italia e le sue vie erano costeggiate da canali, chiuse e navigli per il trasporto di merci e di prodotti. Una rete idraulica fatta di serbatoi sotterranei capaci di portare l’oro blu nelle case e nei lavatoi, dove le fontane non erano solo un ornamento, ma un punto vi...

  • Lombardia

...in VAL BORBERA

…valli gastronomiche, si cammina e poi si mangia Il silenzio di queste valli è tessuto da molte parole, da tradizioni, cultura, gastronomia che sussurrano ancora nel quotidiano lavoro degli abitanti. Sette comuni nell'Alta Val Borbera: Cantalupo, Albera, Cabella, Carrega, Rocchetta, Roccaforte, Mongiardino; due nella Bassa Val Borbera: Vignole e Borghetto; uno, Grondona, in Valle Spinti che un costone separa dalla Val Borbera ed infine il comune di Stazzano, ai confini della Val Borbera con la Valle Scrivia.

  • Piemonte

Sulle STRADE di COPPI, GIRARDENGO e SANTE POLLASTRI

…parole e musica di Francesco De Gregori Fausto Coppi nasce il 15 settembre 1919. Appena nato pesa solo due chili. Ragazzetto, comincia a lavorare a Novi Ligure come garzone di salumeria. È a Novi che incontra colui che tanta parte avrà nei suoi trionfi: il massaggiatore cieco Biagio Cavanna, autentico 'santone' del ciclismo che negli anni precedenti era stato con Girardengo. È Cavanna che insegna al giovane Fausto, intuendone le potenzialità di campione, il mestiere della bicicletta. Disputa la sua prima gara nel luglio del '37 alla Boffalora, ma è nell'estate del '38 che centra la sua prima ...

  • Piemonte

SACRA di SAN MICHELE e ABBAZIA di NOVALESA

…sul sentiero dei Franchi e di Guglielmo di Baskerville La Sacra di San Michele, una tra le abbazie benedettine più note, è oggi considerata fra i maggiori complessi architettonici di età romanica presenti in Europa. Per raggiungere la Porta dello Zodiaco, è necessario seguire un cammino "ascensionale" di 243 scalini. La struttura architettonica dell’abbazia è molto particolare. Le contorte masse rocciose della montagna si fondono in un unico corpo con l´insieme del basamento, delle scalinate e dei contrafforti di sostegno. La Sacra è teatro di iniziative culturali ma, soprattutto, è un luogo ...

  • Piemonte

Salita alla SACRA di SAN MICHELE

…sul sentiero dei Franchi e di Guglielmo di Baskerville La Sacra di San Michele, una tra le abbazie benedettine più note, è oggi considerata fra i maggiori complessi architettonici di età romanica presenti in Europa. Per raggiungere la Porta dello Zodiaco, è necessario seguire un cammino "ascensionale" di 243 scalini. La struttura architettonica dell’abbazia è molto particolare. Le contorte masse rocciose della montagna si fondono in un unico corpo con l´insieme del basamento, delle scalinate e dei contrafforti di sostegno. La Sacra è teatro di iniziative culturali ma, soprattutto, è un luogo ...

  • Piemonte

Parco della MAREMMA

…tra vacche, cinghiali, butteri e abbazie  Una volta, tanto tempo fa, c’era… così cominciano le favole. E proprio una favola può essere la storia del Parco della Maremma; naturalmente a favola a lieto fine, come quasi tutte le vere favole. Dove adesso si estendono file di pini marittimi e domestici, dove la griga la fa da padrone e da rifugio a cinghiali ed istrice, una volta c’era un territorio acquitrinoso, malsano, per niente adatto a stanziamenti umani. Poi, un giorno, si decise di risanare e questa zona, con il tempo, diventò il Parco della Maremma. Attenzione… Parco della Maremma con i M...

  • Toscana

PUNTA MARTIN

…una montagna “vera” sul mare di Genova Un ambiente che racchiude le caratteristiche della macchia mediterranea e dell’alta montagna; salendo si può ammirare il mare che si stende dietro di noi e, dopo aver attraversato il più grande bosco di pini neri d’Italia, provare le emozioni della “vera” montagna lungo la cresta affilata di Punta Martin. Un’esperienza bellissima. La Punta Martin si trova nell'entroterra di Genova Pra e si erge a nord-est dell'abitato dell'Acquasanta. Il rilievo ha forma di piramide rocciosa ed è posto sul versante sud-ovest del massiccio ofiolitico del monte Penello (o ...

  • Liguria

I BOSCHI di REZZAGO

… a raccogliere castagne I "Funghi di terra" (chiamati nel dialetto locale "Fung de tera") di Rezzago si trovano sul fianco destro del vallone percorso dall'omonimo torrente affluente del Lambro.  Queste strutture, note anche con il termine scientifico di "piramidi di erosione", si formano a causa dell'azione erosiva delle acque di ruscellamento su terreni morenici, costituiti da materiali grossolani - massi, ghiaie e sabbie - dispersi in una matrice sabbioso-limosa molto friabile, lasciati dai ghiacciai quaternari al loro ritiro. In particolare, la conca di Rezzago - scavata entro formazioni ...

  • Lombardia

MILANO LIBERTY

… viaggio all’inizio del 900 Conoscere e scoprire una città vuol dire andare alla ricerca della sua identità più autentica e profonda. Un’identità che si racconta anche attraverso le linee sinuose e complesse dei palazzi di fine ’800. Dimore imponenti e suggestive ornate da stucchi, mascheroni in pietra e ferri battuti che traggono ispirazione dalle forme più ardite e complesse della natura. Case vestite con i colori sgargianti delle maioliche o dai mille riflessi di delicate vetrate, questo è il fascino immutato del Liberty a Milano: palazzi, strade e monumenti che meritano di essere racconta...

  • Lombardia

MONTE PIATTO

…sui sentieri del lago Montepiatto, piccolo insediamento di case sparpagliate, è una località montana del Comune di Torno a circa 600 m. sul livello del mare, sul versante occidentale delle Prealpi del Triangolo Lariano. Poche sono le notizie storiche su Montepiatto, ma quel poco che sappiamo riguarda la storia della chiesa e del convento che si trovano nel punto più alto del monte. Tali notizie si ricavano nel volumetto monografico del Sacerdote Callisto Grandi: "Montepiatto sopra Torno ed i suoi morti", ristampato dalla Associazione Pro loco di Torno nel luglio 1975, allo scopo di affiancare...

  • Lombardia

TORINO

…onore alla prima capitale dell’Italia Unita Madama senza età, Torino è molto più della somma dei suoi monumenti: cosmo urbano brulicante di ingegno e di cultura, deve gran parte del suo fascino all'incantevole posizione geografica ai piedi dell'arco alpino occidentale, vegliata da vette imbiancate di neve. Prima capitale d'Italia, offre scorci ineguagliabili fra le vie del centro e i lunghi viali porticati, in equilibrio tra il misurato sfarzo del barocco piemontese e la razionale urbanistica romana. Seduce accogliendo i visitatori negli spazi nobili e solenni di Piazza Castello, fulcro stori...

  • Piemonte

da CRANDOLA al PIAN DELLE BETULLE in Valsassina

…tra maggenghi ed alpeggi I maggenghi, come i pascoli, non erano abitati tutto l'anno, ma a differenza di questi erano coltivati a prato ed eccezionalmente con qualche campicello di patate (le patate cresciute in alto infatti, forniscono un'ottima semente per i campi in pianura), verdure, granaglie. I maggenghi pertanto sono caratterizzati dalla presenza di un fienile, una stalla, una casèra, un bàit (sorta di casotto, dove scorre acqua molto fredda, per la conservazione del latte nelle caldére) . Il fieno messo da parte in estate, era recuperato in inverno. Non appena il suolo si induriva per...

  • Lombardia

SASSO di SAN MARTINO

…a picco sul lago di Como Il Sasso San Martino sorge sulla sponda occidentale del Lario sopra la frazione di Griante, poco prima di arrivare a Menaggio ed offre un punto di vista fantastico verso il Lago di Como. Alle sue pendici, su un piccolo poggio erboso sospeso tra due pareti di roccia, è stata edificata la chiesetta di San Martino. La chiesetta nota anche come Santuario della Madonna delle Grazie fu costruita nel XVI secolo. Il nome deriva da una leggenda legata al ritrovamento di una statua della Madonna.

  • Lombardia

SENTIERO dello SPACCASASSI

…nelle foreste di Canzo Leggenda dei Corni di Canzo… Ci sono stati tempi lontanissimi in cui gli Arcangeli facevano guerra ai Diavoli. Da quaranta giorni era tutto un turbinare d’ali bianche e nere, di spade fiammeggianti e di palle di fuoco, parolacce e scherzi umilianti. Gli Arcangeli, decisero di porre fine alla lotta con un’estrema soluzione per sconfiggere Canzio generale dei Diavoli e tutta la sua diavoleria. Era Canzio un essere gigantesco e cattivissimo, con orribili corna sulla testa; quando apriva la bocca era come se si spalancasse una voragine e quando bestemmiava era come se mille...

  • Lombardia

SAN FEDELINO

…vicino al Lago di Mezzola Se ne sta là, silenzioso e solitario da oltre mille anni.  Guarda lo scorrere delle acque del fiume Mera che lungo i secoli, in momenti di piena, sono tracimate allagandolo e contribuendo così ad accrescere l´umidità delle sue pareti. Se ne sta là silenzioso e solitario, ben disposto a rivelare i suoi storici e artistici tesori solo a coloro che hanno la pazienza e il coraggio di raggiungerlo. All´estremità settentrionale dell´Alto Lario, sul Lago di Mezzola, all´imbocco della Valchiavenna si trova quello che può essere definita la fonte, non solo architettonica, ma ...

  • Lombardia

ANELLO di VOLASTRA

… alle spalle delle Cinqueterre Paese con un forte radicamento alla terra, alle sue vigne, al suo vino offre la possibilità di godere di numerose passeggiate, sia collinari che marine o di tuffarsi in limpide acque. Caratteristiche urbane del borgo: L'originale pianta circolare fa pensare ad una probabile origine etrusca, la parte più antica non è visibile dal mare. La chiesa parrocchiale, che è anche santuario dedicato a N.S. Madonna della salute è posta appena fuori del borgo. Edificata attorno al XII secolo (probabilmente su una preesistente), è stata recentemente restaurata con l'apporto d...

  • Liguria

FESTA AMICI PANDA TREK...

...Pienza, Montalcino, Bagno Vignoni, Abbazie di Sant’Antimo, San Galgano, Monte Oliveto Maggiore La Val d'Orcia è un'ampia campagna situata in Toscana, nella Provincia di Siena, a nord ed est del Monte Amiata e vicina al confine con l’Umbria. Attraversata dal fiume Orcia al centro, che le dà il nome, è caratterizzata da gradevoli panorami paesaggistici e da svariati centri di origine medievale, due dei quali molto noti come Pienza e Montalcino. Albero caratteristico il cipresso, cibi e vini tipici i Pici, i salumi di Cinta Senese, il Pecorino di Pienza, il Brunello di Montalcino e la nuova de...

  • Toscana

FESTA degli AMICI Panda TREK...

...Pienza, Montalcino, Bagno Vignoni, Abbazie di Sant’Antimo, San Galgano, Monte Oliveto Maggiore La Val d'Orcia è un'ampia campagna situata in Toscana, nella Provincia di Siena, a nord ed est del Monte Amiata e vicina al confine con l’Umbria. Attraversata dal fiume Orcia al centro, che le dà il nome, è caratterizzata da gradevoli panorami paesaggistici e da svariati centri di origine medievale, due dei quali molto noti come Pienza e Montalcino. Albero caratteristico il cipresso, cibi e vini tipici i Pici, i salumi di Cinta Senese, il Pecorino di Pienza, il Brunello di Montalcino e la nuova de...

  • Toscana

PARCO del MONTE di PORTOFINO

…una baia, una pineta, un’antica abbazia Il parco del Monte di Portofino separa i golfi di Camogli e S. Margherita Ligure ed è inciso da numerose insenature. La vetta è a 610 metri e scende sul mare con ripidissimi pendii dove vegeta una straordinaria macchia mediterranea. Notevole il contrasto tra il versante nord del promontorio dove prevalgono il castagno e il faggio e quello sud, con una vegetazione mediterranea, o boschi di pino marittimo e pino d'Aleppo, fitta macchia di leccio, ginepro, corbezzolo e ginestra. Da visitare l'abbazia di S. Fruttuoso del tredicesimo secolo che custodisce le...

  • Liguria

ROUTE 66

…mother road, la strada dei “disperati” di Steinbeck La United States Route 66 o Route 66 è una highway tra le prime di interesse federale;  fu aperta l'11 novembre 1926, anche se fino all'anno seguente non furono installati tutti i cartelli indicatori. All’inizio collegava Chicago alla spiaggia di Santa Monica attraverso Illinois, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, Nuovo Messico, Arizona e California per un totale di 3.755 km (2.347 miglia). La Route 66 fu la strada usata per la migrazione verso ovest, specialmente durante il dust bowl, e supportò l'economia delle comunità attraverso le quali...

  • Stati Uniti d'America

A CANZO per smaltire due giorni di bagordi...

…tranquilli…si va piano avendo la pancia ancora piena di… I Corni di Canzo, detti anche Còrni o Curunghèj o Culunghèj in lingua locale, sono un gruppo montuoso sito nel Triangolo lariano. Si tratta di tre cime rocciose, disposte da est a ovest che prendono il nome dal comune di Canzo, infatti quella centrale e quella occidentale delimitano la testata settentrionale della val Ravella ed al contempo costituiscono il confine fra il comune di Canzo e quello di Valbrona. Solo la terza cima, quella più bassa, è nel territorio del comune di Valmadrera. Il Corno occidentale è alto 1373 metri, quello c...

  • Lombardia

Parco della CAMARGUE eil LUBERON in Provenza

…terra di profumi, colori, artisti… “La Provenza entra nel cuore e non se ne va più. La terra, il cielo, il mare fanno dolce violenza: paesi antichi, arroccati su pendii luminosi, rocce come trine, serafici campi di lavanda, fremiti bianchi su mandorli in fiore, abissi azzurri. Ora piuttosto freddi, ora intensi e alti all'orizzonte. Solo i colori di Cézanne hanno potuto dirli. Colori fermi e veri, che entrano dentro le cose stesse e si strutturano come architetture, e i colori di Van Gogh che se ne vanno in un volo senza fine e trascendono il reale. I vigneti, i pini, i cipressi, le case si do...

  • Francia

PARCO della MAREMMA...

…tra vacche, cinghiali, butteri e abbazie Una volta, tanto tempo fa, c’era… così cominciano le favole. E proprio una favola può essere la storia del Parco della Maremma; naturalmente a favola a lieto fine, come quasi tutte le vere favole. Dove adesso si estendono file di pini marittimi e domestici, dove la griga la fa da padrone e da rifugio a cinghiali ed istrice, una volta c’era un territorio acquitrinoso, malsano, per niente adatto a stanziamenti umani. Poi, un giorno, si decise di risanare e questa zona, con il tempo, diventò il Parco della Maremma. Attenzione… Parco della Maremma con i Mo...

  • Toscana

CAMMINO di SANTIAGO in van sino a Finisterre

…in van sino a Finisterre e ritorno Seconda per importanza solo a Gerusalemme e Roma, Santiago de Compostela fu una delle principali mete di pellegrinaggio della Chiesa d'Occidente. Posta ai confini del continente, la tomba dell'apostolo Giacomo ha attirato fedeli da tutta Europa. Lungo questa strada si muovevano gli uomini e la società del medioevo: devozione e arte, pidocchi e pestilenze, briganti e santi marciavano insieme fino ai confini della terra. Seguendo la via delle cattedrali giungeremo alle spiagge atlantiche per raccogliere il simbolo dei pellegrini, la "vieira", la conchiglia da ...

  • Spagna

RUTA de PEDRAS en SEC

…un’antica via di ronda   Le Baleari furono abitate fin dai tempi più antichi. I romani, guidati dal console Quinto Cecelio Metello, dopo aver conquistato le Baleari nel 123 a.c. , fondarono la colonia di Palma, forse su un precedente insediamento talaotico. La città, che chiamarono Palma, in onore della famosa Palma Picena, ben presto divenne il fulcro dei traffici commerciali con le città del Mediterraneo occidentale. Ai Romani, dopo alterne vicende, fecero seguito prima i vandali e poi i bizantini. Si sa ben poco di questo periodo anche se nella Cattedrale sono conservati dei mosaici che in...

  • Spagna, Mallorca

SICILIA... la Magna Grecia

…tra arte e natura La forza meravigliosa dell'Etna, il mare cristallino della costa Ionica, il patrimonio storico e archeologico, il barocco delle chiese e dei palazzi, le tradizioni enogastronomiche e la musica, il calore umano e un'innata cultura dell’ospitalità...Catania e i suoi dintorni. Il fuoco, l’acqua, la luce s’incontrano, si mescolano, s’intrecciano, per donare al visitatore uno spettacolo unico. Un lembo di terra in cui la natura miscela i colori in un abbraccio che avvolge piccole baie e sentieri imbevuti dei profumi del vino moscato, in un continuo alternarsi di scogliere ed inse...

  • Italia, Sicilia

SENTIERI dell'ELBA

…il ferro dell’Elba Un'antica leggenda narra che, quando Venere sorse dalle onde del mare, si ruppe il gioiello di cui la dea era adorna. Le sue gemme caddero in acqua trasformandosi nell'Elba e nelle altre isole dell' Arcipelago Toscano. Mare, spiagge, il verde della campagna, i paesini arroccati, i tesori archeologici, i boschi di castagni e altro ancora si susseguono senza soluzione di continuità. L'Elba regala questa sensazione di molte cose in una.

  • Toscana

BIANCA FORESTA NERA

Tra i boschi degli gnomi.... Sterminate abetaie, profonde gole scavate, laghi dalle acque scure dove l’uomo ha intrecciato legami con la natura. Sempre all’insegna di un rispetto estremo. Numerosi sono i sentieri e la facilità della percorrenza permette un itinerario adatto a tutti. Friburgo è la tradizionale porta della Selva Nera; il Feldberg la cima più alta. Emozionante risulta l’incontro con il Titisee piccolo specchio d’acqua sprofondato in una valle stretta tra i boschi. Dalle fiabe e narrazioni popolari di questo particolarissimo ambiente sono nati i grandi poemi epici, come la saga de...

  • Germania

ISOLA di PORQUEROLLES in Provenza

…dove si può andare solo a piedi o in bici! Si pedala sino alla spiaggia d’Argento che si esplora a piedi; si prosegue attraverso la piana di Bragançonette con splendidi vigneti, ci si immerge nel bosco di pini e lecci che si mescolano con la macchia mediterranea e si arriva sull’istmo che separa la “spiaggia bianca” dalla “spiaggia nera”. Si esplora la parte nord-orientale: plage de la Courtrade, plage de Notre Dame, fino ad arrivare a Capo Medes, estremo lembo orientale di Porquerolles. Un vero paradiso naturalistico.  

  • Francia

CINQUETERRE e COSTA TRAMONTI

…un sentiero tra borghi aggrappati a falesie Le Cinqueterre comprendono i borghi medievali di Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. La particolare asperità del terreno, caratterizzata da montagne a picco sul mare, ha ostacolato per secoli i collegamenti preservando il tratto di costa ligure da interventi invasivi e distruttivi. L’uomo ha saputo adattarsi al territorio modellando il paesaggio, ricavandone le poche risorse disponibili, in particolare olio e vino, e costruendo piccoli insediamenti che appaiono oggi non troppo diversi da com'erano secoli fa. Il tratto “dopo” le ...

  • Liguria